CANONE RAI, SCADE IL 30 GIUGNO LA RICHIESTA DI ESENZIONE

Ultimi giorni per fare richiesta di esenzione del canone Rai dichiarando il non possesso di un apparecchio tv

C’è tempo fino al 30 giugno per chiedere la disdetta del canone Rai e ottenere l’esenzione per il secondo semestre del 2018.

Chi vuole farlo, dichiarando di non avere nessuna tv in casa, deve compilare l’apposito modulo disponibile sul sito dell’Agenzia delle Entrate, ovvero la dichiarazione sostituiva di non detenzione e in particolare il quadro A.
Per chi preferisce l’invio della copia cartacea, l’indirizzo di riferimento al quale spedire il modulo è Agenzia delle entrate, Ufficio Torino 1, Sportello abbonamenti TV, Casella postale 22, 10121 – Torino.

È importante sapere che l’autocertificazione per l’esenzione dal canone Rai perché non si ha una tv va presentata ogni anno, altrimenti si è tenuti al pagamento: non è più possibile, come accadeva una volta, chiedere il suggellamento dell’apparecchio televisivo, perché avere l’elettricità in casa è ragione sufficiente per essere tenuti a saldare, a meno che non si dichiari di essere esentati. L’eccezione è chi richiede l’esenzione perché il canone Rai viene già pagato su un’altra utenza: in questo caso chi ha chiarito l’equivoco lo scorso anno con il modulo apposito non è più tenuto a ripresentarlo.

L’esenzione chiesta entro il 30 giugno vale per la seconda metà del 2018 e non per l’intero anno, perché per ottenere l’esenzione sull’intero anno l’autocertificazione andava presentata entro il 31 gennaio (può anche darsi che le condizioni che danno diritto all’esenzione nella prima parte dell’anno non ci fossero). Le autocertificazioni trasmesse dopo il 30 giugno varranno per il 2019 ma non per l’anno corrente, anche ove già nell’anno corrente esistessero le condizioni che darebbero diritto all’esenzione.

Fonte QuiFinanza