TARIFFA A 28 GIORNI, SI VALUTA UN EMENDAMENTO IN MANOVRA

La questione delle fatture a 28 giorni, invece che a 30, nel campo delle Tlc, "è una cosa che va messa a posto il più rapidamente possibile, perché è una cosa inaccettabile". Così il ministro dello Sviluppo Economico, Carlo Calenda, a margine della cabina di regia per l'Italia internazionale. A chi gli chiedeva della possibilità di intervenire sulla questione con un emendamento in manovra, ha ribadito che occorre trovare una soluzione "il più rapidamente possibile".

A marzo era intervenuta l'Agcom, ma senza successo perché aveva dato 90 giorni agli operatori per adeguarsi. Con una delibera, l'Authority aveva abolito quelle a 28 giorni su rete fissa, telefono, Adsl o fibra ottica, imponendo canoni solo mensili. L'Autorità garante delle comunicazioni aveva chiesto a Vodafone e Wind di cambiare le proprie offerte, anche per gli utenti già attivi.
A Fastweb e Tim di bloccare il passaggio annunciato (ma ancora non attivo) a offerte a 28 giorni. Tutti gli operatori, su fisso e mobile, sono passati o stavano passando, infatti, a questo tipo di tariffazione, che fa scattare l'addebito ogni quattro settimane invece che ogni mese.

A settembre poi l’Autorità per le Comunicazioni, relatore il Commissario Francesco Posteraro, ha avviato procedimenti sanzionatori nei confronti di Tim, Wind Tre, Vodafone e Fastweb. I quattro operatori telefonici non hanno infatti rispettato la delibera di marzo. Gli obiettivi dell'Autorità sono garantire massima trasparenza e confrontabilità dei prezzi e permettere al consumatore il controllo dei consumi e della spesa.


In quell'occasione l'Autorità ha inviato un segnale, sia pure cifrato, anche a Sky, che dal primo ottobre è passata a una fatturazione a 28 giorni, accantonando quella mensile. L'intento è di evitare un effetto di “trascinamento” e un contagio anche al mercato della pay-tv. In questo specifico segmento, l'Autorità è competente per i pacchetti telefonia più televisione a pagamento.

Nei giorni scorsi una proposta di legge in tal senso, per vietare le tariffe a 28 giorni non solo sulla telefonia fissa, ma anche su quella mobile e sui servizi tv. Di oggi stesso, infine, la notizia di una diffida di Agcom a Sky, che ha risposto introducendo modalità di disdetta semplificate e migliorando la trasparenza dell'informativa a riguardo.

Fonte quotidiano "La Repubblica"