TOURGEST, SOSPESI TUTTI I VOLI DA E PER LAMPEDUSA

In data 13/07/2017 la società TourgesT, comunica a tutti coloro che hanno prenotato un volo da e per Lampedusa, che per l’anno in corso, tutti i voli per l’isola sono stati sospesi ed anche i passeggeri in possesso di rebooking su Meridiana non potranno usufruire del passaggio aereo. La compagnia informa che tale modifica di programma non è dovuta alla loro volontà, senza però indicare ulteriori cause.

Già nel mese di settembre 2016 la medesima  società ha lasciato a terra 700 passeggeri, annullando i voli per la stessa destinazione.
Considerando la condotta scorretta di TourgesT, invitiamo l’Enac, Ente Nazionale per l'Aviazione Civile, ad avviare i necessari controlli sull’operatività della compagnia, nonché ad incontrare al più presto le Associazioni dei Consumatori per definire gli opportuni percorsi di tutela e risarcimento dei passeggeri.

Inoltre, chi è già partito e si trova a Lampedusa, è tenuto a documentare e tenere traccia di tutte le spese sostenute dal momento del mancato imbarco per i beni primari (pernottamento e pasti), nonché per il biglietto aereo acquistato per il rientro.

ATTENZIONE: la compagnia invita i passeggeri a scrivere agli indirizzi email customercare@tourgest.com e relazioniclientela@tourgest.com per chiedere il rimborso dei biglietti. Una procedura alquanto strana, dal momento che un reclamo o richiesta di rimborso, secondo la normativa vigente, deve essere inviato per raccomandata a/r o pec. Pertanto comunichiamo ai passeggeri coinvolti che la giusta procedura è quella inviare una raccomandata a/r all’indirizzo della compagnia TOURGEST Via Nunzio Morello, 21, 90144 Palermo PA.

Secondo il REGOLAMENTO (CE) N. 261/2004 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO dell'11 febbraio 2004 che istituisce regole comuni in materia di compensazione ed assistenza ai passeggeri in caso di negato imbarco, di cancellazione del volo o di ritardo prolungato e che abroga il regolamento (CEE) n. 295/91in caso di volo cancellato o in ritardo senza giustificato motivo (circostanze del tutto eccezionali che esulano dalla diretta imputabilità alla compagnia aerea), la compagnia aerea è tenuta a corrispondere al passeggero:

  • una compensazione pecuniaria in relazione alla tratta aerea, intra-comunitaria o extra-comunitaria, e alla distanza in km e varia da un minimo di €250,00 fino ad un massimo €600,00 (voli intracomunitari inferiori o pari a 1500 Km €250,00; voli intracomunitari superiori a 1500 Km €400,00; voli extra-comunitari inferiori o pari a 1500 Km €250,00; voli extra-comunitari superiori tra 1500 Km e i 3500 Km €400,00; voli extra-comunitari superiori a 3500 Km €600,00);
  • il rimborso del prezzo del biglietto non utilizzato a causa della cancellazione o la prenotazione su un volo alternativo verso la destinazione prevista dal volo cancellato;
  • pasti e bevande in relazione alla durata dell’attesa;
  • adeguata sistemazione in albergo, nel caso in cui siano necessari uno o più pernottamenti;
  • trasferimento dall’aeroporto al luogo di destinazione e viceversa;
  • due chiamate telefoniche o messaggi via telefax, fax o e-mail.


La Federconsumatori è a disposizione dei passeggeri per informazioni, assistenza e stesura richiesta rimborso; consulta il nostro sito per conoscere la sede a te più vicina.