ACEA ATO 2, SANZIONE DALL'ANTITRUST

L’Antitrust sanziona per oltre due milioni di Euro le Aziende Acea ATO 2, Gori, CITL e Publiservizi per pratiche commerciali scorrette nella fornitura dell'acqua.
Finalmente dopo tante denunce e segnalazioni di molti cittadini vessati dalle pratiche scorrette di tali aziende c’è stata una risposta positiva, che ha visto almeno il riconoscimento del cattivo operato nel settore idrico – sottolinea Luigi Agostini Presidente di Federconsumatori Lazio.
Mancate letture periodiche dei contatori, mancata acquisizione delle autoletture, fatturazione sulla base di stime che, sempre o quasi, si sono poi rivelate errate, sono solo alcune delle inadempienze compiute dai gestori che hanno fatto scattare la cospicua multa. Tra le altre irregolarità si annoverano anche procedure più gravi come l'avvio di procedimenti di morosità con distacco forzato anche se non dovuto, il pagamento di eccessive quantità di acqua non effettivamente consumata a causa di perdite occulte nell'impianto idrico, nonché l'invio di fatture di conguaglio pluriennali di elevata entità.
Per la Federconsumatori Lazio questo è un grande risultato, a dimostrazione del fatto che, con la costanza, l’impegno e l’attenzione è possibile sconfiggere l’arroganza di chi crede di poter fare il proprio comodo sulle spalle degli altri. Sebbene sia di grande conforto il lavoro che svolge l’Antitrust, è doveroso sottolineare che, nello stesso tempo, a fronte di simili vessazioni nei confronti di chi, come il consumatore, è la parte contrattualmente svantaggiata, le sanzioni non sono purtroppo sufficienti: c’è la forte necessità di disporre un risarcimento dei danni morali per i cittadini, molti dei quali anziani, a cui sono stati fatturati importi cospicui e non dovuti.
L’invito che facciamo all’AGCM è di proseguire su questo percorso e di multare anche le altre aziende del settore idrico e di quello energetico, che operando in questo modo scriteriato, costituiscono un enorme problema per i cittadini.